Forex Trading Library

Le Trimestrali USA Sostengono L’Equity

0 400

NATURAL GAS (NGAS): Movimento Impulsivo Verso 4.5

S2: 3.65 S1: 3.78 R1: 4,12 R2: 4,32

natgas

Le quotazioni del Natural Gas sono uscite sopra la resistenza stimata a quota 3.80 generando un violento “boost” con il quale ha chiuso un pattern dai chiari connotati rialzisti e ponendo un ipotetico obiettivo finale in area 4.5, ovviamente da raggiungere per fasi ed inglobando delle veloci fasi correttive come quella in corso, configurata con uno SWING intermedio con finalità di consolidamento teso a garantire il ricambio delle correnti operative. Il momentum a breve termine è visto sempre in positivo, confermato dal cross-over tra tutte le medie mobili di riferimento a breve periodo. Lo scenario rialzista sembra quindi ben delineato e tale rimarrebbe con lo SWING contenuto entro 3.80, la cui validazione ne decreterà i risvolti operativi più probabili e dove le quotazioni potrebbero riprendere fiato prima di un nuovo allungo. Operativamente l’azione più coerente con la situazione generale sarebbe quella del “BUY on DIP” in area 3.80-3.85.

GOLD (XAUUSD): Rimbalzo Strozzato

S2: 1,795 S1: 1,770 R1: 1,833 R2: 1,875

gold

Per proiezioni di breve termine, il GOLD è approdato sull’importante supporto visto a 1,750, pressato dall’azione dei ribassisti a fronte di una evidente logica intermarket “comandata” dal dollaro. In sintesi, il trend di breve dell’ORO ha trovato giustificazione nelle tensioni assunte sul fronte dei tassi a breve in aumento, forzando il dollaro al rialzo per compensare le tensioni che stavano impattando sui Bond USA. Quota 1,750, ovviamente, è una cifra rotonda e psicologicamente significativa. Il successivo rimbalzo ha riconfigurato un trend positivo di breve termine, con nuova resistenza di transizione a quota 1,835. Se il GOLD dovesse attaccarla e romperla, il segnale che entrerebbe, rafforzerebbe la situazione tecnica definendo il target in upside a quota 1,875, ma per le implicazioni tecniche assunte e per logica intermarket questa possibilità sembra piuttosto remota.

CRUDE OIL (US Crude Oil): Pavimento a 65 Dollari

S2: 69.24 S1: 71.60 R1: 74.27 R2: 76.58

crude oil

Il quadro tecnico generale ha evidenziato per il Crude Oil una sostanziale difficoltà a proseguire oltre quota 75-77 dollari, area di resistenza validata dopo un prolungato movimento rialzista, innescato sui minimi dell’aprile scorso e modellando una tendenza rialzista di carattere impulsivo piuttosto articolata. Lo scenario in prospettiva è visto in fase di stabilizzazione, confermata dalla validazione dei supporti di transizione in area 67, approcciati di recente, definendo peraltro i connotati tecnici per una operatività di tipo Buy on DIP per essere stata validata in eccesso di BID, fornendo un importante segnale di RIACQUISTO. Il primo supporto di contenimento, desunto dalla volatilità, è stimato proprio in area 66. Da seguire la componente stagionale che dall’inizio di settembre è spesso connotata positivamente.

Leave A Reply

Your email address will not be published.