Troppa Attenzione Sull’Inflazione “Trita” I Ribassisti

0 326

DAX Fut. (DE30): Eccessi Long Da Smaltire In Fretta

S2: 15,047     S1: 15,262     R1: 15,610     R2: 15,743

DAX

DAX Future in forte spinta rialzista che aggredisce quota 15.300 per chiudere la settimana su nuovi massimi storici. L’obiettivo da noi prefigurato in precedenza, cioè quota 15.300, è stata validato e successivamente superato, senza abbozzare la benché minima correzione. Questo prefigura una volontà a salire piuttosto evidente in regime di autoalimentazione del trend sottostante, con implicazioni correttive di breve prima di nuovi rialzi, sempre supportati dalla configurazione tecnica generale. Tecnicamente nulla cambia per la struttura che, già di per sé rialzista, assume sempre autoreferenzialità, aggregando nuovi volumi. Da seguire lo scarto eccessivo tra la CLOSE e le medie mobili di riferimento a breve, tipico di un trend statisticamente alle soglie di un reversal correttivo.

NASDAQ 100 Fut. (UT100): Forte Selezione Sulle TechStocks

S2: 13,612     S1: 13,821     R1: 14,148     R2: 14,267

NASDAQ

Nasdaq 100 Future appiattito sui valori precedenti, senza accelerazioni significative dopo lo spunto innescato sui dati delle vendite al dettaglio. Per il fatto di essere su livelli di massimo storico e quindi “unchartered”, si ritiene che non ci possano essere resistenze significative guardando in avanti, ma che la convenienza da parte degli investitori debba essere ricercata nel re-set del decoupling che fino ad ora ha caratterizzato sfavorevolmente l’indice delle TechStocks USA a favore del più capitalizzato S&P500. Un re-set che potrebbe ricreare le condizioni per nuovi allunghi. Tecnicamente la tendenza principale resta marcatamente rialzista, con conferma intervenuta sopra 13.935 e cambierebbe in chiave ribassista sotto 13,770.

S&P500 Fut. (US500): Quota 4.000 E’ Già Un Ricordo?

S2: 4,071    S1: 4,123     R1: 4,206     R2: 4,235

SPX500

L’S&P 500 Future ha registrato un significativo rialzo nel corso della settimana chiudendo sui massimi del range proposto. Questo implica con buona approssimazione che il mercato è pronto a salire verso quota 4.200, figura rotonda e psicologicamente significativa dove verrà sicuramente focalizzata la maggiore attività degli operatori istituzionali. L’impressione che si ricava è che potremo vedere delle forti turbolenze d’ora in avanti con rialzi alternati ad improvvisi re-coil, ma è anche ragionevole pensare che in tempi ragionevolmente brevi potremmo osservare proiezioni sopra 4.200, ossia verso il target naturale del movimento stimato in area 4.375. Sotto quota 4.000 invece le quotazioni dell’indice potrebbero anche “droppare” verso quota 3.800, supporto di transizione a difesa degli attacchi ribassisti di natura strategica.

START TRADING

or practice on DEMO ACCOUNT

Trading CFDs Involves high risk of loss

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.