Equity A Rischio Correzione

0 337

DAX (Germany30): Dax Riattacca I Massimi Storici

S2: 13,700     S1: 13,801     R1: 14,026    R2: 14,110

L’indice tedesco DAX ha guadagnato moderatamente forza relativa superando di slancio quota 13,800, resistenza motivata da più variabili spazio-puntuali, inquadrando successivamente, validandola, quota 14,000, serio livello di resistenza intercettata dalla retta di regressione che sta accompagnando il rialzo dallo scorso marzo e che polarizza l’attenzione degli investitori istituzionali. Questo conferma il riallineamento in fase BUY dei parametri tecnici di breve periodo, che incoraggiano per il DAX l’operatività sul lato LUNGO del mercato ma che, per rilanci in grande stile, pone come discriminante il superamento della resistenza di transizione a 14,130. Oltrepassare questo livello potrebbe assicurare all’indice DAX un forte “boost” con approdo su nuovi massimi, per target verosimilmente posto a 14,300.

GOLD (XAUUSD): Oro “Borderline”. A Rischio Quota 1,800

S2: 1,818     S1: 1,832     R1: 1,882     R2: 1,941

Su proiezioni di breve termine l’oro ha tentato un rimbalzo dai minimi a 1,765, per il forte squilibrio in BID mostrato dagli indicatori veloci, testando in breve tempo la resistenza a 1,952, che per il Gold assume forte valenza statistica. Nel complesso, quindi, il trend resta sempre a maggior propensione ribassista, con conferme che entrerebbero sotto 1,810. Fermo restando temporanee reazioni fisiologiche, il prossimo obiettivo rilevante al ribasso è stimato in area 1,765, cioè nuovamente sul minimo segnato lo scorso dicembre già testato lo scorso luglio in fase di contenimento. Un altro importante supporto incrocia a 1,750, livello rotondo e psicologicamente significativo, che se fosse attaccato e rotto, farebbe entrare un forte segnale ribassista. Allo stato attuale e per le implicazioni tecniche adesso questo scenario risulta poco credibile. La resistenza a contenimento dell’impostazione ribassista è posta per ora a 1,810.

NASDAQ100 (NAS 100): Correzione In Agguato

S2: 13,290     S1: 13,395     R1: 13,556     R2: 13,616

Fermo restando un modesto “imbalance”, il Nasdaq100 ha proposto un nuovo ritorno di forza seppur con volumi in contrazione e con un quadro dinamico “stressato” in fase ASK. Nulla cambia per la struttura di breve, confermata sempre la fasatura “BUY” a livello tecnico/quantitativo e questo ribadisce un vantaggio statistico all’operatività rialzista rispetto a quella ribassista. Va sempre monitorata l’evoluzione in prospettiva, in forza dell’ordinata GRANDE ROTAZIONE, che sta caratterizzando l’attività dei grossi gestori internazionali, che nello specifico stanno smobilizzando dal segmento GROWTH a quello VALUE, spingendo maggiormente sull’SP500 rispetto al NASDAQ. Il primo supporto di contenimento statisticamente rilevante che potrebbe opporsi a discese correttive è posto a 12,550, piuttosto lontano dai livelli attuali, ma proponibile in forza della volatilità assunta dall’indice delle TechStock USA.

START TRADING

or practice on DEMO ACCOUNT

Trading CFDs Involves high risk of loss

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.