Mercati Azionari In Tenuta, Bond In Moderato Rialzo

0 329

NATURAL GAS (NGAS): Target Atteso Su Nuovi Massimi

S2: 2.558     S1: 2.666     R1: 2.856     R2: 2.938

Come si scriveva nel report precedente, le quotazioni del Natural Gas hanno testato una importante resistenza stimata in area 2.65 ed intercettata su 2 STDV sopra la retta di regressione originata sui minimi dello scorso giugno a 1.432, seguita da una correzione veloce per poi manifestare il riattacco alla resistenza suddetta con test più profondo in area 3 dollari. L’aggressione rialzista su quota 2,65 ha dato nuovo boost alle quotazioni configurando Onda 3 di una sequenza impulsiva che dovrebbe portare il Natural Gas su nuovi massimi di periodo una volta drenati gli eccessi. Il momentum a breve termine è letto in negativo. In area 2.65 si gioca quindi la partita, i cui risvolti operativi decreteranno la direzionalità sul breve periodo.

AUDCAD (AUDCAD): Stagionalità Rialzista Alle Porte

S2: 0.926     S1: 0.931     R1: 0.949     R2: 0.959

Il Cambio AUDCAD continua a ruotare in area 0.94-0.95 che si pone come resistenza ad ulteriori avanzamenti. Strutturalmente il movimento in essere dallo scorso luglio si va ad incastrare come Onda 4 dell’intero processo impulsivo originato sui minimi di marzo in area 0.80. Complicato dipanarne lo sviluppo dei sotto movimenti minori, ma il minimo più recente in area 0.938 potrebbe aver chiuso in anticipo Onda 4 correttiva e ritardare il riattacco ai massimi in definizione di Onda 5. Vedremo se questo sarà lo scenario più coerente con le implicazioni tecniche assunte che osservano un momentum sempre in grande forza e una impostazione rialzista di tutte le medie di riferimento, peraltro senza scarti speculativi. Riepilogando, la resistenza è stimata 0.96, per cui rimanere al di sopra di quota 0.935-940 è cruciale per attaccare le resistenze “lunghe” e andare ad esplorare nuovi massimi di periodo.

DOW JONES INDUSTRIAL (US 30): Smart Money Ancora Long

S2: 28,049.5     S1: 28,272.8     R1: 28,626.1     R2: 28,758.13

L’indice per eccellenza, Il Dow Jones, chiude la sessione in frazionale ribasso, mantenendo comunque integri i parametri rialzisti delineati negli ultimi mesi. Le implicazioni positive, parimenti all’indice S&P500, scaturiscono dal sopravanzamento sul Nasdaq100 in termini di Forza Relativa, a conferma dell’innesco di una grande rotazione settoriale sui settori Value dell’economia USA a scapito dei tecnologici. Le quotazioni sono tornate a “girare” in area 28,500, che funge da livello critico e allo stesso tempo da raccordo per proiezioni di più ampio respiro. Il target è sempre posto in area 29,500. Supporto di breve a quota 28,050.

START TRADING

or practice on DEMO ACCOUNT

Trading CFDs Involves high risk of loss

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.