Equity: Mercati Nervosi In Mano Agli Smart Money

0 231

IBM (IBM.N): Prova Di Tenuta Dei Supporti

S2: 103.65     S1: 105.15     R1: 108.92     R2: 111.19

Il colosso informatico USA dopo aver violato i supporti a quota 115 sembra aver intrapreso un trend ribassista di breve periodo, sotteso all’approdo in area 97.5. Tutti i riferimenti tecnici spazio-puntuali assurgono a ruolo di resistenza in area 113.5, con i primi livelli di contenimento per correzioni di breve posti a quota 104 dollari. Adeguati i volumi che esprimono un livello di turn-over in grado di assorbire improvvise prese di beneficio. A livello quantitativo i parametri regressivi, al momento, individuano un livello resistente in area 110 e di supporto in area 104. In sostanza tutte le manifestazioni rialziste di breve portata vengono per ora lette come occasioni di vendita e sembra che questo paradigma possa continuare, ma in termini di forza la struttura si sta stabilizzando, in forza della lettura dello Smart Money Index che lascia intendere interessanti flussi in entrata nelle fasi deboli.

SILVER (XAGUSD): Negatività In Correlazione Con l’ORO

S2: 22.18     S1: 22.77     R1: 23.80     R2: 24.24

Come commentato nel precedente report, l’Argento dopo l’esplosione rialzista con target centrato in area 30, cioè su 5 STDV rispetto alla retta di regressione che ne accompagna il rialzo dallo scorso marzo, ha intrapreso una fase correttiva piuttosto articolata che per fasi ha forzato le quotazioni 22.50, in stretta correlazione all’andamento dell’Oro. Questa stretta correlazione tra i due metalli indica che siamo entrati in fase direzionale, negativa per entrambi, difficilmente perimetrabile in termini di obiettivi, ma di elevata magnitudo. Strutturalmente per il Silver dovrebbe essere in corso uno sviluppo correttivo con incastro di Onda 4 e target potenziale su quota 22, peraltro già testata, ma in attesa di essere validata.

FTSE-100 (UK 100): Cambio Di Paradigma Per Londra

S2: 5,495.71     S1: 5,538.68     R1: 5,620.6     R2: 5,659.5

L’indice britannico FTSE100 sembra aver cambiato paradigma, intervenuto con il sensibile scostamento da quota 6,000; livello intorno al quale ha ruotato per diversi mesi e dove si sono sempre concentrati i maggiori flussi in uscita. In sintesi, sembra essere un momento piuttosto complicato per l’indice britannico che in fase di estensione correttiva ha violato adesso i supporti a 5,750, intercettati 2 STDV sotto la retta di regressione che accompagna questa fase dai massimi di giugno, puntando a quota 5,350. Per le implicazioni tecniche assunte dai sistemi di modellazione predittiva l’indice FTSE100 dovrebbe spingersi verso quota 5,350, livello di transizione tecnica e discriminante per validare il trend discendente che osserva un potenziale target finale in area 4,700.

START TRADING

or practice on DEMO ACCOUNT

Trading CFDs Involves high risk of loss

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.