Equity: Europa In “Decoupling” Rispetto Ai Mercati USA

0 133

NASDAQ100 (NAS100): Pronti Per Una Veloce Correzione?

S2: 11,733     S1: 11,842.5     R1: 12,053.75     R2: 12,155.5

Il Nasdaq100 Future dovrebbe aver visto i massimi almeno sul breve, dopo lo spunto seguito alle parole di Powell che ha permesso l’approdo sui massimi a 12.46 (ns view era 12.050). Non smontiamo ancora l’ipotesi per nuovi upside, ma sembra che sul breve periodo il boost prodotto abbia raggiunto elevati livelli di magnitudo e proprio per questi eccessi, verificati soprattutto a livello volumetrico, sono lecitamente attesi dei ripieghi correttivi per garantire il ricambio delle correnti operative oltreché per riequilibrare il quadro tecnico generale. Apprezzabile il fatto che il sistema di modellazione predittivo PathFinder sia sempre “fasato” sulla parte LUNGA del mercato, mai messa in discussione. Visti i massimi storici segnati in condizioni di tensione sarebbe opportuno porre attenzione al livello TRIGGER stimato a 11.522.

EURTRY(EURTRY): Onda 3 In Attesa Di Validazione

S2: 8.568     S1: 8.643     R1: 8.785     R2: 8.852

Buona la risposta tecnica del cambio Euro contro Lira Turca sulla resistenza in area 8.80 intercettata su 2 STDV rispetto alla regressione originata sui minimi dello scorso febbraio a quota 6.5. La reazione ribassista ha così permesso di validare la fine di Onda 3 dell’intero e prolungato ciclo impulsivo in atto dall’anno scorso e tracciare traiettorie correttive ad incastro di Onda 4 con primo target in area 8.38. Sotto 7.85 si concretizzerebbero invece più scomposti e incisivi avvitamenti per area 7.5. Per altro la ciclicità dei prezzi sta per entrare in una fase negativa con ripercussioni più incisive sulle quotazioni.

CRUDE OIL(USOILQ0): Petrolio Sempre In Congestione

S2: 41.81     S1: 42.58     R1: 43.84     R2: 44.33

Le quotazioni del greggio WTI continuano a lateralizzare controllate dai supporti in area 40-41. La configurazione tecnica inizia a delinearsi in maniera più chiara incastrando il precedente rialzo con una logica di reazione tecnica e comunque in risposta armonica alla devastante sollecitazione negativa sviluppata tra gennaio e aprile 2020. La resistenza più immediata è stimata a quota 43.50. Una resistenza piuttosto forte che in caso di superamento produrrà verosimilmente nuove aggressioni rialziste con primo obiettivo in area 45. In sintesi, le quotazioni del greggio godono ancora della stagionalità positiva, ma da settembre la situazione potrebbe cambiare in negativo riproponendo scenari tecnici a lettura ribassista, con il sostegno di varabili economiche negative in grado di acuirne la situazione.

START TRADING

or practice on DEMO ACCOUNT

Trading CFDs Involves high risk of loss

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.