Equity Sempre Con Il Vento In Poppa

0 281

NZDUSD (NZDUSD): Top a 0.665 Prima Di Una Correzione

S2: 0.6483     S1: 0.6507     R1: 0.6547     R2: 0.6587

La MM a 21 giorni sostiene il cambio NZDUSD che su base 0.64 sembra aver costruito un robusto supporto tecnico e dove incrocia la retta di regressione originata sui minimi dello scorso marzo. Ordinato anche lo sviluppo rialzista della valuta Oceanica controllato entro 2 STDV rispetto al suddetto riferimento regressivo. Positivo il quadro tecnico a cui guardano potenziali nuovi acquirenti. Qualche dubbio resta sul MACD, laddove tendenze più lente fanno fatica a stabilizzarsi al rialzo. In sintesi, l’impostazione di breve per NZDUSD rimane al momento a propensione rialzista, con supporti più immediati visti in area 0,64. Sotto tale livello potrebbero concretizzarsi le possibilità di interessare al ribasso quota 0.623, cioè testare supporti “invisibili” perimetrati entro 3 STDV rispetto alla regressione suddetta.

USDCHF (USDCHF) : USD In Ordinata Ritirata Contro CHF

S2: 0.9427     S1: 0.9443      R1: 0.9473     R2: 0.9503

Fino a quando le quotazioni di USDCHF rimarranno sotto 0.965 le prospettive neutro-ribassista già delineate nei precedenti report rimarranno invariate. Strutturalmente il bias rimane quindi neutrale, con la formazione di un supporto tecnico a breve termine, formatosi a 0,937. Implicazioni positive vanno per il momento riferite al recupero di quota 0.950, il cui superamento potrebbe produrre “boost” verso quota 0.962 dove incrocia la MM a 55giorni in controllata discesa. Ovviamente una forzatura sotto 0.937 farà propendere verso una nuova fase ribassista con target stimato in 0.920 e controllato su 3 STDV rispetto al modello regressivo originato sui massimi di marzo.

EURCHF (EURCHF): Rimbalzo Tecnico Su 1,06

S2: 1.0607     S1: 1.0613     R1: 1.0633     R2: 1.0653

La settimana scorsa EURCHF ha registrato un nuovo calo, composto e controllato, riuscendo comunque a mantenere in chiusura i supporti a quota a 1.062. La situazione resta neutrale rispetto alla settimana precedente, ma estende il movimento ribassista fulcrato sui massimi di inizio mese appena sopra 1.09 e che conferma la scarsa volontà a proseguire al rialzo dopo la reazione intervenuta sugli importanti minimi di maggio a 1.05. Importante in funzione futura la tenuta di quota 1.06. Dal lato “vendite” un eventuale rottura di 1.05, per impatto di variabili negative sull’Euro, aprirebbe le possibilità per discese fino a 1.039, da raggiungere comunque in assenza di velocità e in modo piuttosto articolato nel rispetto della componente stagionale, letta in chiave negativa, oltreché di quella ciclica dei prezzi letta anch’essa in fase ribassista.

START TRADING

or practice on DEMO ACCOUNT

Trading CFDs Involves high risk of loss

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.