Mercati Sull’Orlo Di Una Crisi Di Nervi

0 136

NASDAQ 100(NAS100): Nuovi Massimi Storici? Una Trappola

S2: 9,320.7     S1: 9,492.2     R1: 9,842.1     R2: 10,192

Dopo aver segnato nuovi massimi storici sopra quota 10,000, l’indice Nasdaq100 torna a scendere rimettendo in discussione l’euforia di settimana scorsa. Strutturalmente lo status rialzista è sempre integro ed in grado di sostenere ulteriori pressioni distributive, ma l’elevata volatilità abbatte notevolmente la confidenza degli operatori, sempre più compratori netti di opzioni OTM a copertura di eventuali ribassi. Per le implicazioni tecniche assunte si prospettano ipotesi di ribasso ad incastro di Onda 4, un re-coil puramente tecnico per target stimato tra 9,200 e 8,750, in armonia con il 38.2% di correzione rispetto al poderoso rialzo dai minimi di Marzo e dove staziona attualmente la MM50 giorni, insieme ad altri riferimenti tecnici spazio-puntuali di acclarata affidabilità.

CRUDE OIL (US Crude Oil): Correzione Tecnica Per Il Greggio

S2: 33.40     S1: 34.83     R1: 37.34     R2: 34.85

Osservando il grafico del CRUDE OIL è evidente come quota 43.05 si riveli ostile ad ulteriori manifestazioni rialziste, quantificando il 61,8% di reazione armonica al ribasso originato sui massimi di Gennaio 2020. In altre parole, il rimbalzo a cui abbiamo assistito dal minimo di Aprile dovrebbe essersi esaurito, aprendo ad una correzione per target ipotizzato in area 29. Il supporto più immediato è stimato in area 36 e dovrebbe assorbire agevolmente nuove pressioni distributive, ma il nuovo aumento delle scorte, se confermato nel prossimo mese, farebbe incagliare qualsiasi previsione rialzista. Questa variabile metterà sotto pressione il mercato del greggio almeno fino a settembre e si prevede che i prossimi Rolling possano rivelarsi piuttosto complicati. L’operatività più coerente con le implicazioni tecniche assunte è quella di assecondare l’attuale fase correttiva intervenendo al rialzo non prima di un test di tenuta in area 29.

EURUSD (EURUSD): Respinto Il Rialzo Post FED

S2: 1.1137     S1: 1.1193     R1: 1.1323     R2: 1.1453

Il rialzo post FED del cambio EurUsd è stato prontamente respinto in area 1.14. Il ribasso che ne è seguito ha poi violato l’importante supporto a 1,131, con l’Euro che adesso, contro il Dollaro Usa,  presta il fianco a ulteriori attacchi correttivi. Il supporto menzionato, peraltro, è tecnicamente avvalorato dalla MM10gg che sul breve aveva sempre garantito delle buone tenute al primo test, oltreché dalla rottura di una importante trendline rialzista in area 1,1295. I supporti a protezione sono stimati tra 1.1210 e 1.1200, ma una rottura degli stessi favorirebbe ulteriori compressioni verso quota 1.1135, con la MM200 a riferimento del movimento su base 1.11. In sintesi rialzi da tradurre in una interessante operatività solo sopra 1.14.

START TRADING

or practice on DEMO ACCOUNT

Trading CFDs Involves high risk of loss

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.