I Dubbi Dei Mercati Sulla Sostenibilità Del RISK-ON

0 349

S&P500(SPX500): Guarda Ai Massimi Senza Convinzione

S2: 3,109.99     S1: 3,120.64     R1: 3,148.42     R2: 3,176.2

Malgrado una buona spinta rialzista l’indice S&P500 non ha ancora ripreso i massimi di fine febbraio visti in area 3,400, contrariamente all’indice Nasdaq100. Questa distonia, peraltro ribadita anche dall’indice DJ30, pone dubbi sulla persistenza di questa fase Risk-On. Strutturalmente lo status è rialzista ed integro in tutte le sue componenti, ma l’elevata volatilità abbatte notevolmente la confidenza degli operatori, sempre più compratori netti di opzioni OTM a copertura di eventuali ribassi. Per le implicazioni tecniche assunte si prospettano ipotesi di re-test in area 3,200-3,250, con incastro di Onda 5 validata per riattaccare i massimi. Lo scenario alternativo osserverebbe invece un re-coil tecnico per target stimato tra 2,850 e 2,920, con Onda 4 estesa in sotto ordine a-b-c. Da seguire il test eventuale a 2,920 dove staziona anche la MM50 giorni, insieme ad altri riferimenti tecnici spazio-puntuali di acclarata affidabilità.

GOLD (XAUUSD): Pronto A Volare Verso Quota 2,000?

S2: 1,735.89     S1: 1,752.45     R1: 1,778.31     R2: 1,804.17

Osservando il grafico del GOLD è evidente come quota 1,775 si riveli ancora ostile ad ulteriori manifestazioni rialziste, in richiamo della componente stagionale che osserva il suo punto di minimo il prossimo 29 giugno. In altre parole, la lateralizzazione a cui abbiamo assistito da aprile con minimi in area 1,650 in sincronia con la stagionalità negativa, dovrebbe essere prossima alla fine, per lasciare spazio ad una ripresa della direzionalità rialzista. Il supporto più immediato è stimato in area 1,750 e al momento dovrebbe poter assorbire in modo agevole eventuali pressioni distributive. Questa considerazione assume maggior valenza tecnica anche alla luce del recente indebolimento del Dollaro Usa che, se dovesse assumere peculiarità strutturali, potrebbe dare ulteriore boost alle quotazioni dell’Oro, con allungo della fase rialzista verso nuovi massimi di periodo.

EURUSD (EURUSD): Quadro Tecnico A Tinta Rialzista

S2: 1.1180     S1: 1.1240     R1: 1.1363     R2: 1.1480

Dopo la perdita di boost seguita alla reazione post FED, il cambio EurUsd mostra una buona reattività, intervenuta prontamente a ridosso della retta di regressione dell’impalcatura rialzista originata sui minimi di marzo in area 1.06. Da ribadire il fatto che le oscillazioni estreme del cambio siano sempre state contenute entro 2 STDV sopra e sotto la suddetta regressione e come questa individui adesso una resistenza “invisibile” a 1.148. I supporti a protezione sono stimati tra 1.124 e 1.18, mentre una rottura di quest’ultimo supporto provocherebbe ricompressioni verso quota 1.105, dove incrocia la MM200 periodi.

START TRADING

or practice on DEMO ACCOUNT

Trading CFDs Involves high risk of loss

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.