Il Vulnus Della Ripresa Nei Rapporti di Cambio

0 289

NZDUSD (NZDUSD): Un Complicato Riconteggio Delle Onde

S2: 0.5863     S1: 0.5897     R1: 0.5987     R2: 0.6077

nzdusd

L’impostazione di breve per NZDUSD rimane al momento a propensione negativo, considerando margini di ulteriore downside dopo l’innesco ribassista innescato sui massimi di fine aprile a 0.617, raggiunti in estensione e che hanno complicato la struttura tecnica obbligando a rivederne la qualità. In forza delle implicazioni tecniche assunte si ritiene che il ribasso in atto non sia in grado di forzare al momento quota 0.590. Solo sotto tale livello potrebbero concretizzarsi le possibilità di interessare quota 0.582 prima e successivamente quota 0.573. Sul lato opposto il recupero di quota 0.599 metterebbe nel radar i massimi di periodo a 0.617. La tendenza al ribasso è per il momento controllata dalla Media Mobile Esponenziale a 55 settimane a 0.603. Ipotesi positive di lungo periodo solo sopra 0.62.

AUDCAD (AUDCAD) : Sotto 0.90 Il Via Ad Onda 4

S2: 0.8983     S1: 0.9017      R1: 0.9087     R2: 0.9157

audcad

Importante esportatore di risorse naturali, tra cui petrolio greggio, gas naturale e legname, il Canada occupa un posto di primo piano nella catena di approvvigionamento globale. Ciò significa che il CAD tende ad amplificare le oscillazioni degli indici azionari Statunitensi, paese che pesa l’80% delle esportazioni canadesi. Le quotazioni stanno da tempo ruotando intorno all’importante resistenza di quota 0,914 ed è verosimile pensare che il prepotente rimbalzo dai minimi di marzo sia prossimo alla conclusione. Da seguire adesso le modalità dell’eventuale correzione che sembra delinearsi; il target è posto tra 0.8940 e 0.8840 a definizione di onda 4 prima di un rilancio sopra i suddetti massimi. A matrice positiva le indicazioni lette in prospettiva sui grafici settimanali.

EURCHF (EURCHF): Onda 5 In Esaurimento

S2: 1.0497     S1: 1.0503     R1: 1.0523     R2: 1.0543

eurchf

La settimana scorsa EURCHF ha registrato un calo controllato riuscendo comunque a mantenere in chiusura i supporti a quota a 1,05. La situazione resta neutrale rispetto alla settimana precedente e la scarsa volontà a proseguire al ribasso la tendenza fulcrata sui massimi del 2018 a 1,20, potrebbe preludere ad un imminente ritorno di forza per la valuta europea. Ma anche in questo caso, il rialzo dovrebbe essere limitato a 1.0653, primo livello di resistenza utile. Dal lato opposto un’eventuale rottura di 1.0503, pe rimpatto di variabili negative sull’Euro, aprirebbe le possibilità per discese fino a 1,0394, da raggiungere comunque in assenza di velocità e in modo piuttosto articolato.

START TRADING

or practice on DEMO ACCOUNT

Trading CFDs Involves high risk of loss

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.